Benvenute nel mio blog, qui troverete il mio patchwork, i miei lavori , le mie idee, la mia passione per l'ago e il filo e per tutto quanto profuma di cucito.





martedì 31 dicembre 2013

Buon anno!




Questo è il mio augurio: pace nei cuori.
Tante cose esteriori non servono se non abbiamo la pace nel cuore e sappiamo cogliere in ogni cosa quello che c'è di buono in essa, perchè sono convinta che se lo cerchiamo qualcosa di buono e positivo lo troviamo  sempre.
Questo ci può aiutare in quelle occasioni in cui ci sentiamo stressati e non vediamo l'ora che una cosa finisca, come sono le feste per alcune persone.
E' vero, spesso le feste si riducono a rituali ormai consolidati: pranzo con le stesse persone, sempre lo stesso menù... e così via.
Ma vediamola in questo modo: possono essere anche l'occasione per telefonare a persone che da anni non sentiamo, per scambiare due parole e un augurio con persone che non ci hanno mai salutato, per farsi raccontare dalle persone anziane come passavano loro il Natale, per invitare a pranzo un parente o un vicino di casa che è da solo.
Non dobbiamo guardare solo alle incombenze che le feste portano con sé: preparare il pranzo o il cenone, devo fare il regalo a questo o a quello o, per altri purtroppo in questo periodo, non posso spendere molto per le feste, perché queste incombenze ce le creiamo noi.
Chi l'ha detto che per il pranzo di Natale dobbiamo stupire o mangiare cose esotiche o dai nomi strani tanto costose quanto insipide, si può benissimo fare un buon pranzo preparando cose che magari durante l'anno abbiamo poco tempo per preparare ad esempio delle crespelle ai formaggi o alla boscaiola o delle lasagne al pesto,  pensare ad una presentazione diversa e che appaga l'occhio per l'arrosto che prepariamo sempre, magari accompagnandolo a un contorno diverso e decidere di usarne una parte da servire  freddo con una salsa tonnata, anche il panettone se non iniziamo a mangiarlo a inizio dicembre sicuramente lo aspetteremo e gusteremo meglio, magari per cambiare lo possiamo accompagnare ad una crema al mascarpone o ad una pallina di gelato alla crema e spolverizzarlo con zucchero a velo come fosse neve. Oppure ci possiamo lanciare nella preparazione di un piatto diverso che ci ispira, dopo aver pensato se può piacere, ma soprattutto dopo averlo sperimentato prima: mai preparare un piatto che non abbiamo mai cucinato quando ci sono invitati o nelle grandi occasioni.
Soprattutto per i bambini può essere bello aspettare il Natale pensando che quel giorno mangeranno quella determinata cosa e anche quando saranno grandi si ricorderanno di quando da piccoli a Natale mangiavano ...
Per quanto riguarda i regali, parliamoci chiaro oggi abbiamo tutto e questo vale anche per i bambini e allora?
Allora, pensiamo innanzitutto a chi è destinato il regalo, alle cose che gli piacciono e se possibile prepariamolo noi stessi.
Io ho un amico a cui piace tantissimo il cioccolato, così gli regalo dei cioccolatini preparati da me: tartufi, alle nocciole come i ferrero rocher, alla frutta secca, torrone morbido al cioccolato, ben confezionati  sono un regalo sicuramente gradito.
All'amica che adora ricamare una bella bustina di stoffa contenente delle matassine di vari colori o un manuale di ricamo, vi assicuro che per chi è appassionato di una cosa i libri che ne parlano o gli accessori  per realizzarla sono sempre graditi.
Se invece si tratta di un'amante della cucina, un attrezzo che non ha o un libro di ricette possono essere un'idea, o anche un semplice segnalibro sul quale abbiamo ricamato il nome di una ricetta o un bel grembiule sul quale abbiamo ricamato il suo nome.
Quindi ribadisco non è necessario spendere grandi cifre soprattutto per quelli che chiamiamo 'pensierini'.
Il regalo peggiore è quello non pensato o fatto giusto per contraccambiare, in questi casi è meglio non regalare niente e limitarsi ai ringraziamenti.

A volte le complicazioni le vediamo noi e ci 'stressiamo' rovinando così un periodo che in sé ha tutto fuorché la corsa a comprare e spendere.
Con questo vi saluto  e vi auguro nuovamente Buon anno.





Nessun commento: