Benvenute nel mio blog, qui troverete il mio patchwork, i miei lavori , le mie idee, la mia passione per l'ago e il filo e per tutto quanto profuma di cucito.





venerdì 21 marzo 2014

Di tutto un po'.

Oggi, ho deciso, faccio un misto.
Iniziamo con i primi annunci di primavera, prima in giardino:



e poi, la stessa atmosfera con gli stessi colori ricreata in casa:




                                        -------------------------------------------------------

Continuiamo con qualcosa di dolce.



Questi biscotti li ho fatti seguendo la ricetta che trovate sul sito ' Piacere di conoscerti ' ( lo trovate tra i miei preferiti ) : biscotti al  farro soffiato e cioccolato.
Io in più vi ho aggiunto le nocciole tritate e dell' uvetta e non avendo il farro soffiato ho utilizzato fiocchi di avena.
Ecco gli ingredienti:

  • 140 gr farina 0
  • 90 gr olio vegetale ( io ho usato olio di mais)
  • 80 gr zucch.canna
  • 50 gr. farro o orzo soffiato ( io ho utilizzato fiocchi di avena)
  • 30 gr ciocc. fondente a pezzetti
  • 1 puntina di cucch.no di bicarbonato
  • latte vegetale ( io ho usato latte vaccino)  q.b. per impastare.
io, come ho detto, ho aggiunto anche uvetta e nocciole.

Prima si mescolano tutti gli ingredienti asciutti poi si aggiungono i liquidi.
Formare sulla placca, foderata con carta forno, tanti mucchietti.
In forno a 180° per circa 15 min.

Il risultato? L'avete già visto nelle foto.
Avete presente i biscotti tipo 'gran cereale' ?
Ecco sono uguali, buonissimi.
Quindi un'altra idea per non acquistare prodotti già confezionati.
Provateli.

P.s: avete riconosciuto il mio copri vassoio sotto il piattino con i biscotti?

                                ----------------------------------------------------------------

E per finire, li riconoscete?


E' si, ormai Rufus è diventato più grosso della Vichi ( è quello in alto).
Che coppia!
Rufus è un ladro patentato di torte e pizze, mai lasciarlo entrare in casa incustodito, il bello poi è che si mette in castigo da solo: senza dirgli niente, solo guardandolo, se ne va quatto quatto nella sua cuccia e ci rimane per un po', a meditare.
Ma per il momento è giusto il detto : ' il lupo perde il pelo (decisamente) ma non il vizio'.

Nessun commento: